Visitare Tokyo, la capitale del Giappone, è il sogno di tanti.

Capitale di luci e modernità, eccessi architettonici ma anche tradizioni millenarie che le regalano quel contrasto antico-moderno, che è forse uno dei suoi aspetti più caratteristici.

Se avete in programma un viaggio in questa imperdibile città, leggete prima di tutto le 11 attrazioni da vedere a Tokyo.

Per scoprire quali sono i quartieri di Tokyo da non perdere, date un occhio anche all’articolo che ho scritto in merito.


Per quanto mi riguarda, non era Tokyo la mia prima scelta, ma avendo trovato un prezzo ottimo ho deciso un paio di anni fa di passare Natale e Capodanno a Tokyo.

Devo dire sinceramente che Tokyo non è stata una di quelle città di cui mi sono innamorata a prima vista. Ma neanche dopo 10 giorni, ed è forse una delle poche di cui non ho mai sentito nostalgia.

Non sto dicendo che non sia da vedere. Lo è, se non altro perché è un altro mondo, un’altra cultura e una concezione della vita profondamente diversa dalla nostra.

Se dovessi però dare un motivo per visitare la capitale giapponese, sarebbe quello di stupirvi di fronte alle tante cose strane di Tokyo. Cose che per noi sono impensabili. Ridicole o assurde, a Tokyo sono una realtà quotidiana. Ve ne racconto solo 7 che mi hanno colpito ma ce ne sarebbero in realtà tante altre.

cose strane di Tokyo

L’assicurazione di viaggio migliore per il Giappone

Prima di partire per questo fantastico paese pieno di sorprese e stranezze, vi consiglio di stipulare un’assicurazione di viaggio. Quando si parte per mete così lontane infatti è sempre meglio tutelarsi contro ogni forma di imprevisto.

Considerate infatti che fuori dalla Comunità Europea, ad esempio tutte le spese mediche saranno a nostro carico e quindi nel caso succeda qualcosa (mi auguro di no ma non si sa mai) ci troveremmo a dover sborsare tanti soldi.

Invece, con un piccolo investimento in una polizza viaggi, partirete senza pensieri e sempre protetti.

Io uso l’assicurazione di viaggio Heymondo che oltre a coprirmi da eventuali imprevisti ha anche una APP dedicata tramite la quale poter comunicare con il servizio clienti 24/24.

Comprandola attraverso il mio link qui https://bit.ly/35AwBn0 avrete uno sconto immediato del 10%.

Volete sapere quali sono le cose più strane di Tokyo? Ecco la mia top 7.

Gente vestita in costume per strada

Una volta fuori a un museo mi sono trovata di fronte a un signore vestito da Pikachu. Non era né carnevale né Capodanno.

Ho pensato fosse un tipo un po’ matto. Poi ne ho visti altri. Chi solo con un cappello magari con le orecchie, chi con le scarpe a forma di zampe, chi con altri costumi da cartoni animati. Le ragazze vestite da manga ormai sono il meno.

Ma le persone adulte con costumi integrali da pupazzi sono una delle stranezze che mi è rimasta più impressa. Non vi dico poi quando invece sono andata a Disneyland. Là era proprio una carnevalesca fiera di costumi e cappelli di tutti i tipi, per adulti e bambini.

Le strade non hanno i numeri

Provate a trovare un indirizzo di un’abitazione in una lunga via di un quartiere non turistico…auguri!

E oltre a non esserci numeri civici, molte strade non hanno neanche il nome.

In metro la gente indossa la mascherina

Avete presente quella mascherina che usano i medici per coprire naso e bocca? Ecco, qui in metro e nei luoghi più affollati la maggioranza della popolazione la usa, soprattutto per evitare eventuali contagi.

Ma la cosa ancora più bizzarra sono le innumerevoli fantasie con cui si può incontrare questa mascherina, quasi fosse un accessorio di moda.  Vedrete quindi  uomini e donne con mascherine chi a forma di muso di gatto, chi a pois, chi leopardata e via dicendo, fin dove la fantasia vi aiuta a pensare…

Code lunghissime per tutto

Un’altra cosa che mi ha colpito di Tokyo è la grande disciplina dei suoi abitanti, che in alcuni casi rasenta l’ossessione. A Tokyo ho visto gente fare la fila per qualsiasi cosa, senza un gesto di insofferenza, uno sbuffo o un lamento.

Ho visto adulti fare file di 5 ore a Disneyland, con una pazienza zen, gente che alla fermata dell’autobus si dispone in una fila praticamente geometrica. E tutti lì, zitti ad aspettare. Qui in Italia come minimo partirebbero spintoni e gente che cerca di passare avanti.

Quartieri a tema

Tokyo è una città immensa, divisa in diversi quartieri, ognuno con i suoi specifici tratti. E così si trova Shibuya, il quartiere dello shopping, Asakusa, il quartiere coi templi antichi, Akihabara, il quartiere della tecnologia e dei videogiochi, Roppongi, il quartiere della nightlife. Qualsiasi cosa si viglia, a Tokyo saprete dove trovarla. E i quartieri sembrano degli enormi centri commerciali a tema.

Bar con cameriere vestite da governanti dell’800

Si chiamano “maid cafè” e sono dei bar, aperti a tutti, dove le cameriere sono vestite da governanti dell’800 e si rivolgono ai clienti con una cura e una gentilezza d’altri tempi. L’atmosfera è simpatica e grottesca allo stesso tempo.

WC musicale

cose strane di Tokyo

Andare nei bagni pubblici in Giappone è quasi uno spasso. Dico davvero.

I bagni sono puliti e curati e non c’è bisogno di tirare continuamente lo scarico del WC per coprire imbarazzanti rumori.

A Tokyo infatti i bagni hanno una tavoletta speciale, con dei tasti. Uno di questi tasti, a seconda dei modelli, può riprodurre il rumore dello scarico, il canto degli uccellini o avere delle musichette, che servono proprio a fare da sottofondo.

Questa è una delle cose strane di Tokyo che ho sinceramente trovato molto divertente!

Ci sono altri tasti poi per fare il bidet direttamente nel gabinetto, uno speciale per donne e uno per uomini. A seconda del modello poi, aumentano le funzioni che questa “tavoletta magica del WC” può avere…

Pochi sanno parlare inglese

Tra le cose strane di Tokyo questa mi ha lasciato particolarmente sorpresa!

Credevo che in una metropoli così grande l’inglese fosse alla portata di tutti.

E invece mi sono iniziata a ricredere chiedendo indicazioni per strada, ma anche semplicemente andando al ristorante e trovandomi dei menu completamente in giapponese, nel peggiore dei casi senza neanche le immagini.

Che fare allora? Chiedere indicazioni ai camerieri. Il problema però è quando anche questi parlavano pochissimo inglese. In tanti casi ciò mi ha portato a ordinare dei piatti che poi ho lasciato interi perché erano lontanissimi da ciò che credevo fossero.


Se cercate qualche idea su dove passare il Capodanno leggete anche del mio Capodanno a Miami o di come organizzare un viaggio low cost alle Seychelles.


Dove dormire a Tokyo low cost

I prezzi degli hotel a Tokyo non sono particolarmente economici e le camere tendono ad essere piuttosto strette rispetto alla media.

Su Booking.com però potrete trovare diverse offerte di hotel low cost e selezionarle in base a prezzo, posizione e servizi offerti.

Per cercare gli alloggi più convenienti a Tokyo, date un occhio alla mappa qui sotto:
Booking.com