Se ti piace questo articolo condividilo con i tuoi amici:

Cosa vedere durante tre giorni in Umbria: dalla cascata delle Marmore a borghi incantevoli come Narni, Amelia e Arrone. Scoprite il mio itinerario di 3 giorni nella verdissima regione dell’Italia centrale!


Il mio tour di tre giorni in Umbria si è svolto per lo più nella provincia di Terni.

Siamo a sole 3 ore da Roma, quindi praticamente al centro d’Italia.

Il territorio è una zona veramente interessante perché, oltre a comprendere alcuni dei borghi più belli d’Italia, vanta una natura esuberante e verde e delle specialità culinarie di prim’ordine.

Continuate a leggere per sapere cosa fare durante tre giorni in Umbria!

Ti serve un’auto a noleggio per il tuo viaggio?

Cerca tra le offerte più convenienti di centinaia di compagnie sul sito di Rentalcars.

Cosa vedere in Umbria in tre giorni nella provincia di Terni

Molto spesso tendiamo a scegliere una meta invece che un’altra solamente perché ne abbiamo sentito parlare oppure è particolarmente popolare.

Non si può dire così del territorio della provincia di Terni che nasconde tante bellezze non troppo conosciute ma veramente meritevoli.

In Umbria ci sono tantissimi borghi (solo nel ternano ce ne sono 20) che non sono conosciuti ma che in realtà hanno un patrimonio storico-culturale incredibile e sono di una bellezza da togliere il fiato.

Sempre presente il fiume Nera, che si insinua tra i rilievi montuosi e attraversa tutto il territorio ternano. E per capire dove passa basta guardare gli alberi, sempre più rigogliosi intorno al fiume.

Il territorio ternano è fatto di paesini costruiti in altura, terra di mezzo tra le due coste italiane. Facile da raggiungere e ricco di eventi folkloristici. In più ci sono tante possibilità di praticare sport all’aria aperta.


Se volete vedere l’Umbria con un itinerario on the road, vi consiglio di noleggiare un’auto su Rentalcars a questo link oppure consultare le migliori offerte qui sotto:

Ecco cosa vedere durante un itinerario di 3 giorni in Umbria:

La cascata delle Marmore

marmore falls
Cascata delle Marmore

Durante i vostri tre giorni in Umbria vietato perdersi un tour alla Cascata delle Marmore, una delle attrazioni più visitate in Umbria.

Vi svelerò subito due cose che a me hanno sorpreso. La cascata non è naturale, ma fu creata dai Romani nel III secolo A.C.

Il flusso d’acqua viene regolato ed acceso e spento ad orari prestabiliti. Bene, ora che sapete questo, godetevi uno degli spettacoli più belli del mondo.

La cascata più alta d’Europa si trova all’interno di un grande parco verde ricco di vegetazione e animali endogeni.

Ci sono diversi tipi di sentieri, più e meno facili per osservare la cascata da diverse angolazioni. Io ho scelto il 2 e il 3, medio-facili. Lo spettacolo comunque è veramente speciale.

Controllate gli orari sul sito della Cascata delle Marmore. E se volete emozioni forti provate le escursioni notturne.

cascata delle marmore

Il borgo di Amelia

Dopo la cascata, andate a visitare il borgo di Amelia. La cittadina è circondata dalle imponenti mura ciclopiche, così chiamate perché nell’antichità si diceva fossero state erette dai giganti ciclopi.

Amelia è un borgo che ha tanto da vedere. Prima di tutto iniziate con una visita al Museo Archeologico, su tre piani. Da lì proseguite con una visita alle antiche cisterne di Amelia.

Si scende sotto terra all’interno di queste 10 grotte comunicanti del II secolo D.C, ancora umide, e dove un tempo si raccoglieva l’acqua.

Da grande amante del teatro io sono rimasta letteralmente incantata dal teatro di Amelia. Non ne sarei più uscita.

Mi è sembrato un piccolo San Carlo di Napoli, con i palchetti decorati e un soffitto bellissimo con gli angeli. Non è un caso infatti che vi siano stati girati ben 42 film.

E il tendone, che funge da sipario, è quello originale del 700. Il teatro ha una stagione di prosa che potete controllare sul sito. Io vi consiglio proprio di passarci una serata.

teatro di amelia

Dove mangiare ad Amelia

Il Ristorante la Gabelletta ad Amelia è un incanto. Sorge in mezzo al verde e offre una cucina tipica e molto attenta alla qualità. Buonissima la frittura iniziale di verdure e la zuppa inglese come dolce.

Dove dormire ad Amelia

Se cercate anche hotel ad Amelia sappiate che la Gabelletta offre delle stanze a tema stupende, con pezzi di arredamento che provengono da tutto il mondo, portati direttamente dalla proprietaria durante i suoi viaggi.

Ogni stanza ha idromassaggio o cromoterapia. Provate a dare un occhio alla suite e mi saprete dire.

La giostra dell’Arme di San Gemini

Molti di voi avranno bevuto o sentito in pubblicità l’acqua San Gemini. Ecco, quella viene prodotta proprio in questo bellissimo borgo, annoverato anch’esso tra i borghi più belli d’Italia. Io ci sono arrivata di sera, con la città in festa tutta illuminata e me ne sono innamorata a prima vista.

La festività del patrono San Gemini infatti è moto sentita in paese. Taverne aperte, bancarelle, musica, via vai di giovani in giro per il borgo, rievocazioni storiche e cortei. Quello che mi sono trovata di fronte è stato un paese vivo e stupendo.

Ho avuto la fortuna di assistere all’esibizione degli allievi sbandieratori della famosa giostra dell’Arme e l’emozione è stata unica nel vedere la bravura e la concentrazione di questi giovanissimi esibirsi nella piazza del Comune davanti a tutti.

San gemini giostra dell'arme

Tra i ristoranti di San Gemini provate la Tenuta dei Marchesi Fezia, che vanta un’ampia scelta di vini e una cucina di qualità e molto gustosa.

Il borgo di Narni

Quanti di voi conoscono il borgo di Narni? Pochi, vero? Ok, quanti invece hanno visto il film “Le cronache di Narnia”? Bene, sappiate che la famosa Narnia deriva proprio dal borgo di Narni.

Questo borgo medievale sorge su un colle che affaccia sul fiume Nera e la sua bellezza la si scopre passeggiando tra le sue strade, dove all’improvviso ci si trova di fronte a reperti incredibile come le sue chiese, i palazzi o la magica Narni Sotterranea.

Il museo civico di Narni, con la famosa mummia egizia e la pala del Ghirlandaio, è un must per gli appassionati di arte.

Dove dormire a Narni

Hotel consigliati a Narni e dintorni

Hotel Narnia Hotel a 3 stelle nel centro di Narni e a 30 minuti dalla cascata delle Marmore. Accetta gli animali domestici.

Montanari AgrivillageSituato a 27 km dalla Cascata delle Marmore, l’agriturismo offre una piscina all’aperto stagionale, un giardino e una reception aperta 24 ore su 24.

Se cercate altre offerte di hotel e guest house economiche dove dormire a Narni, date un occhio alle migliori offerte di Booking per dormire a Narni sulla mappa qui sotto.

Booking.com

Narni Sotterranea

Tenetevi forte, perchè qui l’emozione è ad ogni angolo. Scenderete tra i resti di una chiesa romanica, alle aule del tribunale dell’inquisizione, fino alle celle dove erano rinchiusi i detenuti e dove ci hanno lasciato dei graffiti con le loro memorie che fanno venire la pelle d’oca.

Lasciatevi trasportare dal racconto della guida e ascoltate bene la storia della scoperta di questo incredibile luogo.

narni sotterranea
narni sotterranea

Questo è stato l’itinerario dei miei 3 giorni in Umbria.

Consigliato per chi vuole staccare con la routine e rifugiarsi in un contesto di relax, cultura e buon cibo. Ma anche adatto ad un turismo sportivo, tutto l’anno, per la grande offerta di sport e per il clima mite.

Arrone, uno dei borghi più belli d’Italia

Come prima tappa del tour dell’Umbria in tre giorni potrete partite in bellezza con Arrone, nominato uno dei borghi più belli d’Italia.

Un piccolo borgo dove sembra di essere tornati indietro nel tempo, precisamente nel Medioevo.

Passeggiate tra i vicoli, fermatevi a osservare le pittoresche case in pietra e godetevi il panorama dal castello di Arrone.

Non aspettatevi però un vero castello, perché non lo troverete. In Umbria in molti borghi con la parola castello si intende semplicemente la parte antica del paese, quella che sorgeva più in alto.

tre giorni in Umbria

Tra le cose da vedere ad Arrone, anche se non siete religiosi né appassionati di chiese, vi consiglio la Chiesa di santa Maria Assunta, dedicata alla Madonna e la Chiesa di San Giovanni Battista.

Dalla torre di quest’ultima, se prenotate per tempo potrete assistere ad uno spettacolo unico. Uno di quelli che capitano una volta nella vita, probabilmente.

Salendo qualche gradino fino in cima alla torre arriverete alla campana.

Da lì potrete assistere in diretta allo spettacoli dei mastri campanari del gruppo campanari Arrone, che con grande energia spingono avanti e indietro le campane producendo il famoso suono che caratterizza tutte le città italiane.

Dato che il suono è molto forte vi saranno dati dei tappi per le orecchie.

Dove dormire ad Arrone

B&B consigliati ad Arrone

La Magnolia B&BAppartamento privato con giardino e terrazzo ad Arrone, con colazione inclusa.

Casa vacanze Fiocchi Case vacanze nel Parco fluviale del Nera, con piscina all’aperto e colazione inclusa.

Il borgo di Ferentilllo con il suo “museo delle mummie”

Un altro grazioso borgo, caratterizzato dalla presenza del fiume Nera, che lo divide praticamente in due. Due rocche che dominano il paese e anche qui case in pietra, i vicoli e scalette che regalano un’atmosfera di pace e di ritorno al passato.

Una delle cose che più mi è rimasta impressa di Ferentillo è il Museo delle Mummie. Qualcuno potrebbe trovarlo macabro o esserne impressionante. A me è sembrato invece di grandissimo interesse. Pensate che qui sono conservati i corpi mummificati di circa 25 persone vissute tra ilo 1600 e il 1800, prima del divieto di seppellire i corpi nelle città.

museo mummie ferentillo
Targa mummie museo Ferentillo

La cosa incredibile è che, grazie alle proprietà chimiche del terreno e all’umidità, i corpi si sono conservati in condizioni quasi perfette.

Alcuni hanno ancora capelli, barba, occhi, cartilagini, organi interni, abiti e altre parti che solitamente si deteriorano presto. Valutate voi se ve la sentite ma per me è stata un’esperienza molto interessante.

Dove mangiare a Ferentillo

Tra i ristoranti di Ferentillo ve ne consiglio uno molto tipico, selezionato anche da Eataly per rappresentare la regione Umbria all’Expo 2015: l’Azienda Piermarini.

Qui sono specializzati in tartufo e olio, e il proprietario Primo Piermarini, va lui stesso a caccia di tartufi insieme alle sue dolcissime cagnoline. Il posto in cui sorge l’azienda poi è bellissimo, circondato da un ampio giardino e immerso nel verde.

azienda piermarini

Provate l’uovo alla coque con crema di tartufo e non ve ne pentirete. E seguite il consiglio di Primo: il tartufo va mangiato sul posto!

Dove dormire a Ferentillo

B&B consigliati a Ferentillo

Ai tre Archi Situato a Ferentillo, offre un ristorante, un bar, un giardino e la connessione WiFi gratuita in tutte le aree. Alcune camere sono offrono un balcone e una vista sul fiume.

Guesthouse Runcini Affacciata sulla campagna umbra in un borgo medievale disabitato, a 1 km da Ferentillo, la Guesthouse Runcini offre camere e appartamenti con ingresso indipendente e parcheggio gratuito.


Se vi è piaciuto questo articolo, forse potrebbero interessarvi anche:

Week end a Chianciano tra terme, natura e cucina tipica toscana

I migliori hotel con spa in Umbria

10 imperdibili agriturismi con spa in Toscana

Weekend di primavera in Umbria, Fonti del Clitunno, Spello e Spoleto

10 hotel con spa in Trentino Alto Adige per una vacanza relax

Weekend in Italia: cosa fare in Ciociaria


Per ricevere i miei consigli di viaggio, restare aggiornati sulle novità e i prossimi viaggi di gruppo e avere sconti e promozioni, iscrivetevi alla mia newsletter 🙂


Tranquilli, non vi intaserò la casella e-mail, vi arriverà una email ogni 1/2 mesi!


Accetto la Privacy Policy

 

Alcuni dei link presenti in questo sito web sono link di affiliazione. Questo significa che se clicchi sul link e acquisti il prodotto, io riceverò una piccola commissione di affiliazione. Indipendentemente da ciò, è mia intenzione raccomandare solo prodotti o servizi che uso regolarmente e che ritengo aggiungano valore ai miei lettori.