Questa è la storia di una strada che si intreccia in maniera viscerale con quella delle persone che la abitano.

Via Roma Reggio Emilia

Una strada che è vita, passioni, difficoltà, gente che va e gente che viene, orgoglio e bellezza. Perché la bellezza non è solo nella perfezione, ma bellezza è anche contrasto, infinitamente più affascinante.

E non si può di certo dire che via Roma a Reggio Emilia non sia una strada di contrasti.

Vederla addobbata durante la manifestazione Fotografia Europea, ti fa capire le potenzialità di questa strada che in sé è un microcosmo.

Le mostre del circuito OFF di Fotografia Europea in Via Roma a Reggio Emilia

Il percorso lungo la popolare Via Roma è partito dall’arco di Santa Croce.

Una colazione alla Biosteria della Ghirba e sotto un cielo minaccioso di pioggia, siamo partiti a scoprire le mostre del circuito off di Fotografia Europea.

Via Roma Reggio EmiliabIOSTERIA DELLA GHIRBA

Siamo lontani dai grandi nomi altisonanti della fotografia e da chiese e palazzi nobiliari. In Via Roma le mostre sono allestite dove non ti aspetti.

60 mostre, che si riconoscono da una poltroncina fucsia all’ingresso degli spazi espositivi.

In una lavanderia a gettoni, dove la gente di Via Roma sta facendo il bucato, trovi alle pareti una mostra di foto in cui sono ritratte persone con delle macchie sui vestiti.

Poi entri in un palazzo privato e agli angoli del portico sono affisse le foto su tela. I protagonisti sono persone comuni, quelle meno visibili in società, mi spiegano.

MOSTRE CIRCUITO OFF FOTOGRAFIA EUROPEAMOSTRE FOTO REGGIO EMILIA

E sulla tela, impresso in bianco, quasi a voler essere ancora più invisibile, ci sono le frasi dei soggetti fotografati, pronunciate proprio durante il set.

Una di queste è una donna musulmana che può uscire solo con il marito, poi ci sono dei ragazzi, una signora anziana che non esce mai di casa. E da quegli occhi così espressivi ti senti ipnotizzata. Quelle frasi scritte sotto il volto, ti pare quasi di sentirle pronunciare.

Luoghi insoliti per mostre fuori dal comune

E poi c’è l’Hotel City. Il nome non vi dirà niente ma questa struttura oltre ai turisti ospita anche tanti ragazzi africani rifugiati, che qui vivono. E lo capisci dalle scarpe riposte nei corridoi, una volta salita la stretta e spoglia scalinata che porta ai piani superiori.

Alle pareti, anche qui, altre foto. E i protagonisti sono proprio questi giovani ragazzi, dalle storie tormentate, che qui stanno cercando di ricostruirsi una vita.

Sono immagini potenti nella loro semplicità. Scene di vita comune, che però ti fanno riflettere sulla storia di chi è fuggito dalla sua terra e per cui questo è davvero l’inizio di una nuova vita. Con tutte le paure e le aspettative che ne conseguono.

street art Reggio Emilia       Hotel City Reggio Emilia

Si cammina ancora e in una laterale di Via Roma, Vicolo Venezia, alzi gli occhi e ci sono dei foglietti bianchi che pendono dall’alto.

Sono i “desiderata”, le speranze, le preghiere e le richieste della gente. E in quella stessa via, ormai quasi cancellata dal tempo, un’affissione accanto ad una porta: “il popolo giusto vuole la neve”.

E continua l’itinerario alla scoperta delle 60 mostre di Via Roma.

C’è chi espone le foto di guerra di un suo parente, ci sono le foto al contrario, che per vederle devi girarle. Nuovi concetti di mostra, non canonici, ma dalla grande suggestione.

E altri palazzi privati, dove puoi salire fino al terrazzo e guardare le esposizioni. Entrare praticamente in casa degli abitanti di Via Roma che si sono aperti con grande disponibilità all’arte e a chi l’arte la ama.

I viaggi nel circuito OFF di Via Roma

Con le mostre del circuito Off di Via Roma si può anche viaggiare.

E’ il caso di Kaishi, di Marcella Fava e Simone Chierici,  dove le foto e i video di un Giappone in versione invernale, mostrano la dicotomia nipponica tra tradizione e tecnologia. Che non disturba, ma anzi è in un certo senso piacevole.

Mostra Giappone Fotografia Europea

Foto di: Marcella Fava

Restando in Giappone si passa a una mostra di Polaroid di Nobuyoshi Araki, artista del Sol Levante che in una serie di scatti ci mostra il kimbaku, tradizionale legatura giapponese.

Restando in via Roma si può viaggiare tanto: India, Berlino, Shetland, oltre che a spasso nella storia, dove le foto e la vostra immaginazione riusciranno a trasportarvi.

Il salotto social del Circuito OFF

Ma il cuore della manifestazione è la Piazza del popol Giost. Significativo che il nome della piazza sia scritto proprio in dialetto sull’insegna. Qui è stato allestito un salotto “social”. Anche se siamo in un parcheggio pubblico.

Piazza del Popol Giost Reggio EmiliaSalotto social Fotografia Europea

In occasione del circuito OFF di Fotografia Europea niente è come sembra.

E così un paio di poltroncine colorate, un comodino e un telefono di quelli grigi che trovi ancora a casa dei nonni, bastano per creare un salotto che sia luogo di incontro, quattro chiacchiere e condivisione.

Nella piazza c’è anche una cabina telefonica adibita a libreria, dove ognuno può leggere i libri riposti sugli scaffali.

Cabina telefonica con libri

Tour delle case private di Via Roma

Una piovosissima Via Roma, con acqua che veniva giù a catinelle e una schiera di ombrelli colorati, ci ha aperto le porte delle case dei suoi abitanti.

La compagnia Pietribiasi/Tedeschi, ha organizzato un tour delle case private, con performance e rappresentazioni teatrali.

Ed è stato un momento profondamente commovente.

Via Roma è quello che non ti aspetti. Un’altissima figura dalla parrucca bianca e la GoPro al collo, ci ha accompagnati per le scale di un palazzo. Entrati in casa, una dimora umile e dignitosa, appare quella che sembra una famiglia.

Tour case private Reggio EmiliaUn uomo suona la chitarra, un motivo malinconico e ripetitivo. Alla finestra un’anziana signora dai capelli bianchi con un viso bellissimo e sui mobili tante foto di persone incorniciate.

I suoi parenti, quasi tutti morti, ci spiegherà lei, con una dolcezza che il ricordo rende ancora più forte.

E là, si fa fatica a trattenere le lacrime. Ci ha accolto in casa sua e ha mostrato a noi, perfetti sconosciuti, quello che di più caro le è rimasto.

Da lì si passa poi ad un’altra casa, opposta nel suo essere visibilmente benestante.

Soppalco, molto accogliente, bei divani. Veniamo invitati a sederci e dopo aver parlato, una donna di mezza età inizia a ballare in maniera sfrenata una canzone di Jovanotti.

Il contrasto tra quello che ti aspetti e quello che è. Perché non siamo esseri bidimensionali ma siamo tante sfaccettature. E non tutte le mostriamo.

I prossimi appuntamenti con il Circuito Off di Fotografia Europea

Tutta una sorpresa, vi garantisco, il Circuito Off di Fotografia Europea in Via Roma a Reggio Emilia.

Quest’anno potete ancora visitalo durante il prossimo week end, sabato 13 e domenica 14 maggio. Altrimenti, dovrete aspettare il prossimo anno.

Date un occhio al sito per il programma e le opere in mostra: http://www.ghirbabiosteria.it/fotografia-europea-in-via-roma-2017