Era il 2011 quando ho vissuto uno dei più bei viaggi della mia vita: la California On The Road.

Non ero sola per pura casualità, anche se l’idea iniziale era proprio quella di partire in solitaria. Era agosto, il clima era mite anche se leggermente ventoso. La mia voglia di partire all’avventura era infinita.

san francisco

E così con in tasca come sempre pochi soldi e tanta voglia di esplorare questa regione così amata e così raccontata da film, telefilm e racconti, ho prenotato un volo A/R per San Francisco. Ricordo di aver speso intorno agli 800 euro. Dall’aeroporto di San Francisco, tramite uno dei tanti siti di noleggio auto, ho prenotato una piccola auto e da lì è partita la mia avventura California on the road con un itinerario di 10 giorni.

Un’unica regola: nessuna organizzazione, tutto al caso. Avevo in mente le tappe che volevo fare ma alcune se ne sono aggiunte strada facendo. Perché è bello così: la libertà di essere ogni giorno dove vorresti e non dove la tua tabella di marcia dice. Perché prenotare i motel il giorno stesso tramite Booking, rischiando, come mi è successo, di non trovare posto nemmeno in camping e di dover dormire in auto, è un’esperienza che ti dà i brividi. E’ emozione allo stato puro: ovvero la massima ambizione di un viaggio.

L’unica cosa che vi consiglio, è di fare un abbonamento per usare internet in modo da poter fare le prenotazioni online degli hotel e leggere informazioni sui luoghi dove vi capiterà di fermarvi.

Altra cosa: Google Maps o un navigatore per evitare di perdervi e nel cuore della notte non avere idea di dove andare.

La California on the road è un viaggio che fa sempre molta scena e che tanti vorrebbero fare. E onestamente, dopo averlo fatto, ne comprendo il motivo. La costa californiana offre un paesaggio molto variegato: si passa dalle selvagge scogliere alle spiagge di sabbia, attraversando centri famosissimi e  località tra le più belle al mondo.

Volete avere un’idea dei prezzi California on the road? Viaggio bellissimo, non propriamente a buon mercato, ma neanche un salasso.

chinatown los angeles

Prezzi California on The Road

Volo: 800 euro circa (ma io l’ho prenotato all’ultimo minuto e ci sono andata in agosto, voi potete fare molto meglio prenotando in anticipo ed evitando l’alta stagione).

Hotel: 40 euro a notte circa

Ristoranti e divertimenti: 50 euro al giorno circa

Noleggio auto: 40 euro al giorno circa

Considerate poi che dovete contare dei soldi per la benzina, ma dato che il prezzo varia vi converrà informarvi poco prima della partenza. Adesso negli USA la benzina ha un costo medio di 0,70 dollari al litro.

Costo totale: circa 2000 euro

Itinerario California on the road

Ecco quali sono state le tappe dei miei 10 giorni on road in California.

San Francisco

San Francisco

Per me San Francisco è una delle città più belle e caratteristiche del mondo. Le sue salite e discese a picco, i bus rossi che sembrano arrampicarvisi, l’ambiente giovane e libero e la presenza del mare. Bellissima la zona del Fisherman’s Wharf. Molto viva e tantissimi localini dove divertirsi.

Monterey

La seconda tappa del viaggio, una piccola deliziosa cittadina che sorge lungo la costa californiana. Qui, lungo le coste frastagliate e selvagge, potrete osservare da vicino le colonie di leoni marini.

Carmel By The Sea

Il centro di Carmel è un bijou. Uno di quei posti dove pensi: se abitassi meno lontano mi prenderei una bella casetta e ci verrei ogni estate. Altro che Igea Marina. Una piccola e tranquilla località dove case e negozi sembrano quelli delle bambole, con i tetti a punta e i colori pastello. Dove tutto è curato e pulito. Non c’è tantissimo da fare però vi assicuro che merita una tappa.

Santa Barbara

Santa Barbara

Qui si comincia a entrare in area vip. Chi di voi non conosce almeno di nome Santa Barbara? Cittadina alla moda sul mare: mi è piaciuta moltissimo la passeggiata sul mare contornata di palme e il pontile, che fa tanto “american style”. Molto curata e trendy, merita una visita.

Santa Monica

Se avete visto almeno una volta Pamela Anderson correre a rallentatore sulla spiaggia nella serie “Baywatch”, allora avete già notato la spiaggia di Santa Monica. Anche qui molto carino il molo e non perdetevi una passeggiata tra i negozi e i ristoranti della vivace Third Street Promenade, completamente pedonale. Io ci ho trovato dei negozi di abbigliamento di cui mi sono innamorata. Stravaganti certamente, ma belli per questo.

Los Angeles

Los Angeles è gigante, alla fine purtroppo così grande che di lei mi è rimasto poco. Il mio hotel era a Chinatown, che ho avuto modo di girare a piedi. Tra le classiche attrazioni da non perdere il Chinese Theatre, la Walk of Fame e la famosa scritta “Hollywood” che troneggia sull’omonima collina. Onestamente mi aspettavo di più dalla città.

Chinese Theatre Los Angeles

Per sentirvi vip al 100% è obbligatoria una passeggiata in Rodeo Drive, la strada più famosa di Beverly Hills, dove troverete boutique e marchi di alta moda.

Venice Beach

Venice Beach

Si tratta di un quartiere della parte ovest di Los Angeles. Famoso soprattutto per la sua spiaggia, una delle spiagge più narcisistiche della California. Qui sportivi e culturisti si allenano ogni giorno con l’aiuto degli gli attrezzi ginnici all’aperto. Passeggiate per il lungomare: tra artisti di strada, set di film e pubblicità, modelli e modelle, vi sentirete catapultati all’interno di uno studio cinematografico “en plein air”.

Malibu

Malibu la conoscevo per la canzone delle “Hole”, che ascoltavo al liceo e per l’omonimo liquore al cocco. Oltre a ciò però Malibu è una cittadina californiana dotata di un’ampia spiaggia molto ventilata e per questo amata dai surfisti. Nella zone abitano molti vip.

San Diego

Colorata, allegra, vivibile. Questi sono gli aggettivi che mi vengono in mente quando ricordo, con amore, San Diego. Impossibile dimenticarne la spiaggia, le bellissime case della zona di Coronado e la vita mondana.

Las Vegas

Dopo San Francisco, la tappa più incredibile. Non si trova in California, bensì in Nevada, però ho deciso di aggiungerla al mio itinerario.

Las Vegas

Avete presente cosa è Las Vegas? Se come me amate feste, discoteche e centri commerciali, Las Vegas è un paradiso. Ipermoderna, tutto qui è gigante. Vedrete hotel monumentali e iperbolici, centri commerciali smisurati e discoteche all’interno degli stessi altrettanto grandi. Casinò, bar e ristoranti: la vita di Las Vegas si svolge tutta là. Ottima per un week end di divertimento; oltre a ciò però non c’è molto da vedere, anche perché siamo in mezzo al deserto.

Death Valley

Quello che più mi è rimasto impresso della Death Valley è la sua temperatura. Un caldo da non respirare. I colori e le sembianze che il vento e gli agenti atmosferici hanno dato alle rocce però sono uno spettacolo da lasciare a bocca aperta.

Death Valley

Yosemite National Park

Bello, rilassante, coloratissimo; andate a farci un pic nic o passateci una giornata per un piacevole contatto con la natura. Cascate, torrenti, altissime cime e bellezze naturali da cartolina lo hanno reso uno dei parchi più frequentati d’America.

Yosemite Park

Sonora

L’ultima tappa di ritorno verso San Francisco del mio viaggio in California on the road. Mai sentita nominare, è arrivata assolutamente a caso. Un piccolo centro in mezzo alla natura, molto tranquillo ma carinissimo. Uno di quei posti che se non avessi avuto internet, non avrei saputo neanche che esistesse. E invece si è rivelata una tappa tattica per spezzare il viaggio di ritorno.


Se cercate altre idee per un viaggio in Nord America leggete anche del mio viaggio a Miami in tre giorni o  di cosa fare a New York.

Se amate le mete un po’ esotiche senza però rinunciare ai comfort delle città moderne, non posso che consigliarvi una vacanza low cost alle Hawaii.