Se ti piace questo articolo condividilo con i tuoi amici:

L’Islanda è un luna park naturale. Sembra che una mano folle si sia divertita a giocare con la terra e spargere qua e là strani fenomeni geologici.

Attrazioni a ogni angolo. Si passa dalla terra che erutta e sputa fuori aria o acqua bollente alla sabbia nerissima delle spiagge. Poi ovunque ti giri ci sono cascate.

Un tripudio di acqua che scroscia potente e minacciosa dalle crepe dei monti e prende le forme più diverse.

✈️ Quando viaggi all’estero, assicurati di partire in sicurezza con la migliore assicurazione di viaggio sul mercato. Puoi comprare online la polizza viaggio Heymondo con sconto del 10% riservato ai lettori del mio blog!

Ci sono le sorgenti termali e gli iceberg che assumono tonalità del bianco e del blu da sembrare delle enormi granite.

E poi ci sono i ghiacciai, laghi, fiumi, distese verdissime, immensi campi di un viola intenso dato dai lupini.

Sembra davvero di essere in un dipinto e quando c’è il sole (rari sprazzi) i colori diventano così forti da sembrare artificiali.

Assicurazione di viaggio per l’Islanda

E’ chiaro che con una natura così selvaggia che la fa da padrona, bisogna sempre usare prudenza e partire con le spalle coperte.

Ti serve l’assicurazione viaggio per le tue prossime vacanze?

Scegli la polizza viaggio Heymondo e parti senza pensieri!

Per questo vi consiglio, prima di un viaggio in Islanda, di stipulare una polizza di viaggio.

In questo modo potrete partire tranquilli ed essere più sereni anche in caso di imprevisti. Quale assicurazione scegliere tra le tante?

Io mi affido a Heymondo, con cui ho la polizza viaggi annuale. Mi ci trovo molto bene anche grazie all’APP dedicata che ti permette di contattare il servizio clienti 24/24 anche senza telefonare.

Se la comprate direttamente tramite il mio link, avrete uno sconto immediato del 10%: https://bit.ly/35JRufI

E invece qui è tutto naturale.

La prima cosa che mi ha colpito quando, alle 4 del mattino, ho messo piede per la prima volta in Islanda è stata una. È una terra ancora selvaggia, nonostante ultimamente attiri un boom di turisti.

Puoi percorrere chilometri senza trovare una sola traccia di umanità, non una casa, non un’auto né una persona. E a volte la terra è cosi brulla e inospitale che non crescono nemmeno le piante. Credo che il suo fascino principale sia proprio in questo.

lupini viola Islanda

Certo, atterrare alle 4 del mattino e iniziare il tour a quell’ora ti regala una prospettiva molto particolare del luogo.

L’Islanda mi ha accolto con un vento gelido e pioggia intensa. Non il migliore dei benvenuti, ma dicono il suo bello sia anche il clima imprevedibile.

Ti serve l’assicurazione viaggio per le tue prossime vacanze?

Scegli la polizza viaggio Heymondo e parti senza pensieri!

Itinerario di 3/4 giorni in Islanda in auto

Tre giorni in Islanda, anzi per la precisione tre giorni e mezzo. Vi dico subito, prima che me lo chiediate, che non è stato un viaggio da sola.

Con me c’era Luca, il mio videomaker di fiducia, che ha fatto delle riprese bellissime, anche col drone. Qui potete vedere il video da lui realizzato del mio viaggio in Islanda.

Sicuramente molti pochi giorni, però considerando che ho prenotato tutto all’ultimo minuto e quindi speso abbastanza, devo dire che sono stati anche sufficienti. E poi mi daranno la scusa per poterci tornare ancora e completare il giro del paese.

Giorno 1

Ho noleggiato un’auto direttamente in aeroporto a Keflavik a 40 euro al giorno e da lì mi sono diretta verso il Circolo d’oro.

Prima tappa: il parco nazionale di Pingvellir, sede del primo parlamento islandese e luogo dove si incontrano le due placche euroasiatica e americana.

Qui ho avuto subito un primo approccio con la natura incredibile dell’Islanda. Prati verdissimi, cascate, uccelli e quelle deliziose casette nel mezzo del nulla che mi piacciono da impazzire.

La seconda tappa, a circa 1 ora dalla prima, sono stati i famosi geyser tra cui il più noto, Geysir. Si tratta di getti di acqua tra 80 e 100 gradi che fuoriescono potentemente dalla terra raggiungendo altezze di decine di metri.

MI sono poi fermata a vedere la minacciosa cascata di Gulfoss, con la sua incredibile portata d’acqua.

Da lì ho preso la strada per raggiungere il sud dell’Islanda in direzione di Vik y Mirdal. Quasi per caso, credendo di stare per raggiungere una grande spiaggia nera, sono arrivata in un posto molto famoso e fotografato.

La spiaggia dove c’è il relitto dell’aereo Dc-3, costretto nel 1973 ad un atterraggio di emergenza e rimasto poi là fino ad oggi. La camminata è lunghetta (2 ore andata e ritorno) ma la vista è molto suggestiva.


Infine, tornando verso la mia guest house a Hvolsollur, mi sono fermata a vedere la cascata di Gluggafoss.

Per la scelta delle guest house dove dormire in Islanda, mi sono affidata a Booking. Qui sotto trovate una mappa per prenotare le migliori sistemazioni con relativi prezzi.
Booking.com

Giorno 2

Il secondo giorno mi sono svegliata presto, anche per via della luce che praticamente c’è tutta la notte. La prima tappa è stata la cascata Skogafoss. Salendo i 450 gradini (gradino più, gradino meno) si arriva alla sommità della cascata.

Proseguendo verso ovest si raggiunge la cittadina di Vik y Mirdal, con la sua particolarissima spiaggia nera. Se avete bisogno di un supermercato, una farmacia o qualche negozio, approfittatene qui.

Ve lo dico perché la prima sera sono andata a letto senza cena per non aver trovato neanche un supermercato sulla strada.

Dopo la sosta a Vik, proseguendo verso est si raggiunge il meraviglioso lago glaciale di Jokulsarlòn.

Qui vi troverete davanti a una visione davvero surreale: gli iceberg. Blu e bianchi, alcuni sembravano delle granite. Danzano sull’acqua mentre le anatre nuotano placide nelle gelide acque.

La seconda sera ho trovato una guest house a circa un’ora e mezza (l’unica disponibile a meno di 200 euro) e mi sono fermata a dormire lì.

Ti serve l’assicurazione viaggio per le tue prossime vacanze?

Scegli la polizza viaggio Heymondo e parti senza pensieri!

Dove dormire a Vik in Islanda

Fascia economica/ostello – The Barn

The Barn si trova vicino al villaggio di Vík, tra il Ghiacciaio Mýrdalsjölill e la costa meridionale dell’Islanda. Offre gratuitamente la connessione WiFi e un parcheggio in loco.

BARN HOSTEL VIK

Le camere matrimoniali sono dotate di bagno in comune, e alcune offrono una vista sulle vicine montagne. Sono disponibili letti in dormitorio con tende oscuranti.

The Barn ospita una cucina comune e un bar.

PRENOTA QUI

Fascia media – Hotel Katla

L’Hotel Katla si trova a 5 km da Vik i Myrdal. Come ospiti, potrete accedere gratuitamente alla mini piscina con idromassaggio all’aperto, alla sauna e al centro fitness.

Le camere dell’Hotel Katla by Keahotels sono arredate in stile classico e dotate di scrivania e TV con canali via cavo e satellitari.

L’hotel vi darà modo di usufruire della connessione WiFi gratuita nell’area della hall. Il ristorante dell’hotel serve una colazione a buffet e specialità locali per cena. Potrete anche recarvi al bar dell’hotel per un drink dopo cena.

PRENOTA QUI

Fascia alta- Hotel Krià

l’Hótel Kría si trova a Vík, a circa 5 minuti di cammino dalle spiagge di sabbia nera, e offre un giardino, un bar e un ristorante. Arredate in stile moderno, tutte le camere sono dotate di connessione WiFi gratuita, area in comune, TV LCD satellitare, asciugacapelli, appendiabiti, cuscini aggiuntivi, telefono, sapone, bollitore con tè e caffè,scrivania e bagno privato.

HOTEL KRIA VIK Islanda

Ogni mattina viene servita una colazione a buffet con pietanze calde e fredde. 

PRENOTA QUI

Per cercare altre offerte di hotel dove dormire a Vik, date un occhio alle altre proposte di Booking.com.

Giorno 3

Dato che il giorno prima non ce l’avevo fatta, il terzo, tornando verso Reykjavík, mi sono fermata a vedere il promontorio di Dyrholaey, vicino a Vik. Piccola tappa anche alla cascata di Seljalandsfoss, cascata a cui puoi passare praticamente dietro.

Ti serve l’assicurazione viaggio per le tue prossime vacanze?

Scegli la polizza viaggio Heymondo e parti senza pensieri!

Infine dopo circa 3 ore e mezzo di guida sono arrivata nella capitale islandese. Ho preso una camera in un ostello in centro e sono partita a piedi alla scoperta del centro città e della zona del porto.

Città, nonostante la pioggia incessante, molto colorata e vivace. Piena di negozi, baretti, ristoranti, design e murales coloratissimi.

Dove dormire a Reykjavík

Fascia bassa/ostello- Hostel B47

Situato a Reykjavík, a 2,6 km dalla spiaggia geotermica di Nauthólsvík, l’Hostel B47 offre un ristorante, un parcheggio privato senza costi aggiuntivi, un bar e una sala comune. Dotato di giardino, l’ostello si trova vicino a numerose attrazioni famose. 

hostel b47 reykjavik

Le camere, eventualmente affacciate sul giardino, dispongono del WiFi gratuito e di un bagno in comune con doccia e asciugacapelli.

PRENOTA QUI

Fascia media –100 Iceland Hotel

Ubicato a Reykjavík, all’inizio della principale via dello shopping Laugavegur e a pochi minuti dal fronte mare, la struttura è interamente coperta dal WiFi gratuito.

Il 100 Iceland Hotel  mette a disposizione un cortile e un servizio di lavanderia. Potrete passeggiare in questa zona pedonale del centro cittadino per ammirare lo stile di vita e l’architettura locale.

PRENOTA QUI

Fascia alta – The Reykjavik EDITION

Situato a Reykjavík, a 600 metri dalla Sólfar (Nave del Sole), il The Reykjavik EDITION offre la connessione WiFi gratuita in tutte le aree e un bar. Questo hotel a 5 stelle fornisce il servizio in camera. A disposizione una terrazza e un centro spa e benessere con palestra, sauna e vasca idromassaggio.

the reykjavik edition hotel

PRENOTA QUI

Per cercare altre offerte di hotel dove dormire a Reykjavík, date un occhio alle altre proposte di Booking.com.

Giorno 4

Del quarto giorno in Islanda ho avuto a disposizione solo la mattina. Sono andata verso ovest per vedere il borgo di Bourgarnes. Era praticamente deserto, non un’anima viva.

Da lì, tornata in zona aeroporto sono andata a vedere il faro di Gardur (amo i fari, ve l’ho già detto?)

Dulcis in fundo, mi sono fermata a vedere (solo vedere, perché il biglietto di ingressi comprato all’ultimo costava circa 100 euro) la celebre area geotermale Laguna blu.

Qui le acque, grazie al silicio e ad altri minerali, assumono una colorazione bianco-azzurra pazzesca.

Se volete risparmiare, vi consiglio di comprare il biglietto per la Laguna blu online con anticipo.

COMPRA QUI IL BIGLIETTO PER LA LAGUNA BLU

Oppure, se volete raggiungere l’attrazione con comodità, potete prenotare l’ingresso alla Laguna blu + transfer in autobus da Reykjavik.

La Laguna Blu dista circa 20 minuti dall’aeroporto di Keflavik quindi in poco tempo sono riuscita a tornare, riconsegnare l’auto a noleggio e prendere il volo per il ritorno.

Se volete trarre spunto dal mio itinerario in Islanda in 3 giorni, date un occhio alla mappa con il percorso qui sotto!


Per cercare tutte le offerte più convenienti di noleggio auto in Islanda, date un occhio qui: http://bit.ly/2TYwP0G


Se vi piacciono i viaggi on the road, forse vi interesseranno anche:


Per ricevere i miei consigli di viaggio, restare aggiornati sulle novità e i prossimi viaggi di gruppo e avere sconti e promozioni, iscrivetevi alla mia newsletter 🙂


Tranquilli, non vi intaserò la casella e-mail, vi arriverà una email ogni 1/2 mesi!


Accetto la Privacy Policy

 

Alcuni dei link presenti in questo sito web sono link di affiliazione. Questo significa che se clicchi sul link e acquisti il prodotto, io riceverò una piccola commissione di affiliazione. Indipendentemente da ciò, è mia intenzione raccomandare solo prodotti o servizi che uso regolarmente e che ritengo aggiungano valore ai miei lettori.