Cosa vedere a Ubud e dintorni in 3 giorni, il mio itinerario durante il viaggio da sola a Bali in due settimane a giugno.

cosa vedere a Ubud

Come arrivare a Ubud

Per arrivare dall’aeroporto di Bali Denpasar a Ubud, ho usato il servizio di transfer del mio hotel Puji Hostel e bungalow.

In alternativa potete prendere un taxi fuori all’aeroporto o utilizzare l’app Grab.

Il tempo di percorrenza è stato di circa 2 ore, per un costo di 300 mila rupie (circa 18 euro).

Dove dormire a Ubud

All’Hotel Puji Hostel e bungalow, che offre sia dormitori che stanze private, ho scelto per 20 euro una camera privata con bagno incluso.

Puji Hostel e Bungalow Ubud

Puji Hostel e Bungalow, Ubud

L’hotel è semplice ma molto carino, con villette in stile indonesiano immerse nelle risaie.

Ha una piccola piscina con qualche lettino e offre inclusa nel prezzo una colazione con frutta oppure uova e caffè. È in una posizione riservata ma comoda per visitare il centro di Ubud e le sue attrazioni principali.

dove dormire a Ubud Bali

L’ambiente è giovane, cosa che ho riscontrato praticamente ovunque nel turismo di Bali.

Per cercare altre offerte di hotel convenienti a Ubud, date un occhio alle proposte sulla mappa!

Booking.com

Cosa vedere a Ubud

Con Ubud è stato amore a prima vista. È sicuramente un posto piuttosto turistico ma riesce comunque a conservare un’atmosfera rilassante e pacifica.

Il suo centro è ordinato e pulito, come non ti aspetti su un’affollata isola del sud-est asiatico.

Sulle strade principali si alternano negozi di artigianato tipico, spa, curatissimi lounge bar e negozi di abbigliamento alla moda ma originali al tempo stesso (vi dico solo che avrei voluto comprare tutto).

cosa fare a Ubud

Ubud resta uno dei centri spirituali di Bali più importanti e lo si percepisce passeggiando per la via principale, Raya Ubud.

La strada è costellata di templi, che spuntano affascinanti e quasi nascosti, inaspettati portoni in stile indonesiano che si celano tra un edificio e l’altro e tantissime spa e centri yoga.

La nightlife di Ubud finisce presto ma dato che ero in viaggio da sola, non mi è affatto dispiaciuto, anzi.

Allontanandosi dalla via principale si incontrano delle lunghe stradine circondante da alberi dove non passa quasi nessuno.

E’ proprio là, in quelle vie, che mi scoppiava il cuore dalla gioia di trovarmi in quell’esatto luogo in quel preciso momento.

Cosa fare a Ubud


Vedere uno spettacolo di danze tipiche

Camminando per Ubud verrete fermati da tanti venditori che vi propongono biglietti per spettacoli di danze tipiche all’Ubud Palace o in altri templi della città.

spettacolo danze tipiche ubud

Io ho consultato il sito ubudcommunity.com per scegliere lo spettacolo che volevo vedere e poi ho comprato il biglietto sul posto.

Ho scelto uno spettacolo di barong, legong e keris al tempio Pura Dalem per 100mila rupie (circa 6 euro).

tempio Pura Dalem Ubud

La cornice notturna del tempio era molto suggestiva, lo spettacolo interessante e della durata giusta (1 ora e mezza).

Visitare Ubud Palace al tramonto

Il vecchio palazzo reale di Ubud è quasi nascosto sulla strada principale Raya Ubud. Si trova di fronte all’Ubud Market e l’ingresso è gratuito.

Ubud Palace Bali

Io lo ho visitato al tramonto (che in giugno era alle 18) e le luci gli regalavano dalle sfumature molto affascinanti, in sottofondo poi il suono del gamelan rendeva tutto come in un film.

Vedere le scimmie alla Monkey Forest

Se avete paura delle scimmie, vi dico subito che questo non è il posto per voi. Si tratta di una grande foresta, a Ubud, con tanto di templi e statue, cascate, corsi d’acqua e giganti banyan tree con le enormi radici intrecciate.

Qui gli abitanti principali sono le scimmie.

Prima di entrare diversi cartelli (a dire il vero un po’ intimidatori) ti avvisano di non guardare negli occhi le scimmie non dare loro da mangiare. Poi si entra e ce ne sono tantissime, ovunque e a branchi.

Tendenzialmente loro sono tranquille, basta non disturbarle e non avere oggetti luccicanti che possano attirare la loro attenzione.

Il biglietto di ingresso per gli adulti costa 80mila rupie.

Visitare l’Ubud Water Palace

Questo tempio hindu balinese, chiamato anche “Pura Taman Saraswati”per me è bellissimo. All’ingresso infatti si trovano due grandi vasche piene di fiori di loto, sull’acqua delle quali si riflette il tempio retrostante.

Ubud Water Palace

Spesso è però piuttosto affollato quindi anche riuscire a fare una foto senza persone è un po’ un’impresa.

Fare shopping all’Ubud Market

Il mercato di Ubud c’è tutte le mattine, in centro. È molto colorato e si trova di fronte all’Ubud Palace.

Andateci al mattino presto per evitare faccia troppo caldo. Qui troverete specialmente abbigliamento, artigianato e frutta e verdura locale.

Tour da Ubud e dintorni

Per visitare le zone attorno a Ubud, nel centro di Bali, ci sono diversi tour.

Sono venduti da molti hotel e dai chioschi di escursioni che si trovano a bordo strada.

Dato che c’è l’imbarazzo della scelta vi consiglio di chiedere un po’ qualche prezzo e poi scegliere il migliore. Se trovate recensioni su TripAdvisor, meglio ancora.

Attenzione: almeno che non specificato (quindi informatevi in anticipo) i tour sono senza guida (quindi solo con autista) e gli ingressi a templi e attrazioni non sono inclusi ma vanno pagati (quasi sempre in contanti) sul luogo.

Io ho prenotato un tour di 1 giorno per 180mila rupie con partenza alle 9 e ritorno alle 18 con le seguenti tappe:

Risaie di Tengallalang

Meravigliose risaie verdi, patrimonio Unesco, a mezz’ora di distanza da Bali. L’ingresso è gratuito.

risaie di Tengallalang Bali

Rocky Temple

Un grandissimo tempio scavato nella roccia, in mezzo a giungla e cascate, circondato ancora una volta da risaie. L’ingresso costa 50mila rupie.

Tempio sacra sorgente

Vicino al Rocky temple si trova il Tempio della sacra sorgente, particolarmente importante per i credenti che qui vengono a fare bagni purificatori nelle vasche.

Se avete la fortuna di capitarci nell’orario della cerimonia, assisterete a questi intensi momenti dove decine di persone sono in acqua insieme per purificarsi alla sacra fonte.

tempio della sacra sorgente Bali

Il biglietto di ingresso costa 50mila rupie.

Piantagioni di caffè

Bali è ricca di piantagioni di caffè, che si possono visitare gratuitamente (la mancia è comunque ben accetta). Io ne ho visitata una nel centro dell’isola, dove veniva prodotto anche caffè di luwak.

Non so se avete mai sentito parlare di questo pregiatissimo caffè che viene preparato letteralmente con la cacca di questo animaletto chiamato luwak che vive solo in Indonesia.

Ebbene sì, il piccoletto mangia caffè e i chicci, processato dai suoi enzimi, vengono puliti e usati per fare il caffè. In questo modo il caffè risulta meno amaro e più leggero.

Io sinceramente però mi dissocio da questa usanza e non mi piace l’idea che questi animaletti selvatici siano tenuti in cattività anziché essere liberi nel loro habitat, con il solo scopo di rimpinzarli di caffè e raccogliere la loro cacca.

Kehen Temple

Uno dei templi più sacri di Bali. Ho avuto la fortuna di visitarlo al tramonto, in un momento in cui non c’erano altri turisti né fedeli. Bellissimi i portoni con la luce che passava attraverso.

Kehen Temple Bali

L’ingresso costa 30mila rupie.

Elephant Cave temple

Un altro dei templi più belli da vedere a Ubud, si trova in mezzo a una verde giungla con cascate.

Non fatevi ingannare dal nome, non troverete elefanti ma semplicemente una statua la cui forma ricorda quella di un pachiderma.

Elephant Cave Temple

L’ingresso al tempio costa 50mila rupie.

Villaggio tipico di Penglipuran

Tra le cose da vedere a Ubud e dintorni, vi consiglio sicuramente una visita al villaggio tipico Penglipuran. Si tratta di un villaggio costruito in tipico stile indonesiano, con case tutte adiacenti e templi, fiori e negozi all’interno delle case.

Praticamente un posto idilliaco, se non fosse per le orde di turisti che ho trovato quando ci sono stata e conseguenti venditori molto insistenti.

villaggio tradizionale Penglipuran Bali Penglipuran Bali

Il posto comunque è interessante per vedere da vicino come vivono le comunità indonesiane e come sono fatte le loro case. Anche qui c’è un biglietto di ingresso da pagare di 30mila rupie.

Vista vulcano e lago Batur

Il monte Batur è uno dei vulcani più importanti dell’Indonesia, con i sui 1700 metri di altezza.

Ci sono diversi percorsi di trekking all’alba per vederlo da vicino, mentre se non siete appassionati di montagna e vi basta vederlo, ci sono delle precise aree panoramiche da cui lo si può fare.

monte Batur Bali

In corrispondenza del villaggio di Kintamani, si paga un (abbastanza inutile a mio avviso ma obbligatorio) biglietto di 30mila rupie per accedere ad una zona panoramica da cui ammirare da lontano il monte Batur e l’omonimo lago Batur.


Se vi è piaciuto questo articolo, forse potrebbero interessarvi anche:

Il mio viaggio da sola a Bali, consigli utili per organizzarlo

Cosa fare a Gili Trawangan in 3 giorni

Cosa fare a Ubud e dintorni, i tour più belli da prenotare online

Assicurazione di viaggio per Bali

Prima di partire per un viaggio a Bali, è fortemente consigliato stipulare un’assicurazione viaggio per l’Indonesia, per proteggersi da eventuali inconvenienti, incidenti o peggio problemi di salute.

Considerate che la sanità per noi sarebbe a pagamento quindi anche un breve ricovero o una piccola operazione potrebbero rivelarsi dei veri e proprio salassi.

Con una piccola cifra invece è possibile assicurarsi e viaggiare sicuri.

Io uso la polizza viaggi di Heymondo che mi garantisce una copertura completa, nessun anticipo di spese mediche nel caso di problemi sanitari e una comoda app per contattare il servizio clienti gratuitamente anche dall’estero.

Se siete miei lettori, potete comprarla anche voi con uno sconto immediato del 10%.