Se ti piace questo articolo condividilo con i tuoi amici:

State programmando di viaggiare da soli a Valencia? Non abbiate paura di annoiarvi o di non sapere cosa fare. Valencia è una città molto viva, a misura d’uomo e con tante attrazioni. Molto sicura e adatta anche per chi come noi viaggia in solitaria.

***Controlla quale assicurazione viaggio copre le spese per COVID-19 (test e cure all’estero) o compra direttamente online la polizza viaggio Heymondo con lo sconto del 10% riservato ai lettori del mio blog.

Arrivare a Valencia è molto semplice. Ci sono infatti tanti voli low cost per Valencia dalle diverse città italiane. Io ho preso un volo Ryanair da Bologna.

Hotel a Valencia

Quando viaggio da sola preferisco sempre scegliere degli hotel o appartamenti in zone centrali, dato che amo spostarmi a piedi. Durante i miei tre giorni a Valencia ho soggiornato a Casa Cosy, residence con un ottimo rapporto qualità-prezzo e punteggio di 9.4 su Booking!

Su questa mappa potete cercare e confrontare le offerte di hotel e b&b più convenienti per dormire a Valencia per viaggiare da soli!
Booking.com

Mercado Central

Prima di partire alla scoperta delle varie attrazioni della città, vi consiglio un bel tour con guida del centro di Valencia per farvi una prima idea della città.

Si parte da Plaza de la Virgen e si prosegue per il bel centro storico. Potete prenotarlo qui!

Il primo dei tre giorni a Valencia si è aperto con una visita al Mercado Central.

Ci si arriva in circa 10 minuti di camminata dall’hotel. Immaginate che si tratta di uno dei mercati alimentari più grandi di Spagna. Si trova all’interno di un edificio veramente imponente, abbellito da ceramiche e vetrate colorate.

mercado central valencia

Appena si entra ci si perde in un vortice di colori e profumi. Qua si vende di tutto, dalla frutta al pesce, dalle verdure alla carne, dai formaggi alle spezie, ai dolci.

Vi consiglio una tappa al Central Bar del famoso chef stellato Ricard Camarena, sempre frequentato grazie all’alta qualità della sua cucina, dove potrete prendere un caffè o ordinare dei gustosissimi bocadillos.

Central Bar valencia

Ristorante LaLola a Valencia

Direttamente a piedi dal Mercado Central, per pranzo sono tornata verso la Cattedrale. Qui, attraverso uno stretto e suggestivo vicoletto, si arriva in un ristorantino  che è veramente splendido.

Rosso e bianco sono i colori dominanti, eccentricamente a pois. La cucina è tipica ma con delle variazioni molto originali. Il Ristorante LaLola è stato il mio benvenuto a Valencia.

ristorante lalola valencia

Molto adatto anche per chi viaggia da sola grazie allo staff, molto gentile e accogliente che vi farà sentire a vostro agio. Il menu degustazione pranzo includeva diverse portate. Io ho amato l’arroz del senoret, il gazpacho e i fagottini di formaggio di capra. Uno più buono dell’altro. Anzi, se ci penso ho ancora fame…

ristorante lalola valencia

E non dimenticate di accompagnare il pranzo con una fresca birra LaLola, prodotta proprio dal ristorante stesso! Se poi vi trovate a Valencia di giovedì, a LaLola c’è anche lo spettacolo di flamenco.

🔔Per visitare con comodità Valencia con i mezzi pubblici, vi consiglio di comprare la VALENCIA TOURIST CARD, una tessera turistica da 24, 48 o 72 ore che vi permettere di usare in modo illimitato i trasporti pubblici e avere sconti su musei e attrazioni della città!🔔

Il centro di Valencia

Ero già stata a Valencia in giugno, ma essendo estate avevo passato la maggior parte dei giorni in spiaggia a godermi il sole.

Devo dire che invece visitare Valencia in autunno è un’ottima scelta perché il clima è mite e si ha più voglia di andare in giro ad esplorarne la storia e la cultura.

La Cattedrale e La Basilica de la Virgen

Vi consiglio di fare una visita del centro di Valencia con una guida che vi possa dare delle informazioni precise su quello che vedete.

In questo modo eviterete di vagare a caso senza capire niente, e le cose vi rimarranno più impresse. E ve lo dico perché ho provato entrambe le cose e notato che nel secondo caso ti rimane molto di più.

Io mi sono affidata a Liber Tours e mi sono trovata molto bene.

cattedrale di valencia

La guida inoltre parlava benissimo italiano. Siamo partiti dalla cattedrale e visitato i suoi tre ingressi, il romanico, il barocco e il gotico. Alzando lo sguardo invece vedrete la famosa torre del Micalet, che sovrasta la cattedrale.

Lo sapevate che il Sacro Graal dell’ultima cena è conservato proprio nella cattedrale di Valencia? E’ ovviamente protetto da una teca ma Potete entrare a vederlo e fotografarlo. Proprio accanto alla Cattedrale c’è la Basilica de la Virgen con la famosa statua della madonna con “la gobbetta”.

Ti serve l’assicurazione viaggio per le tue prossime vacanze?

Scegli la polizza viaggio Heymondo e parti senza pensieri!

La Lonja

Sempre a piedi accompagnata dalla guida ho visitato la Lonja, il palazzo dove un tempo i mercanti facevano affari e poi una vera chicca: la chiesa più antica di Valencia: San Juan del Hospital. Costruita in semplice stile romanico, ha degli interni molto affascinanti.

lonja valencia

La stazione del Nord

Proseguendo per la Plaza de l’Ayuntamiento si arriva alla Stazione del Nord. Che poi in realtà si trova a sud, mi spiega la guida.

Ok, di solito la stazione ferroviaria non è un luogo da visita turistica, ma vi assicuro che questa è molto bella, sia dall’esterno che dall’interno.

Date un occhio alla sala della vecchia caffetteria e ai suoi preziosi mosaici che rivestono le pareti.

stazione del nord valencia

L’Orchata

Avete mai provato l’orchata? No, non è la stessa cosa dell’orzata. Probabilmente se non siete ancora a stati a Valencia non la conoscete. Si tratta di una bevanda dolce e rifrescante, prodotta a Valencia con i semi della chufa, un tubero che cresce qui. Dal colore bianco e il gusto dolce, io personalmente la adoro.

orchata valencia

A me ricorda un po’ il latte di mandorla. La tradizione vuole che vada accompagnata con un farton, una brioche dolce che va inzuppata nell’orchata. Un ottimo posto dove provare l’orchata originale di Valencia è l’Orchateria el Collado, in centro. Un posto che è lì da più di 100 anni, quindi direi che qualcosina di orchata ne sapranno…

Ti serve un’auto a noleggio per il tuo viaggio?

Cerca tra le offerte più convenienti di centinaia di compagnie sul sito di Booking.com.

Cafè de Las Horas

Dopo una giornata a spasso per il centro di Valencia da sola, io sono tornata in hotel a riposare. Se però avete ancora voglia di uscire vi consiglio un posto veramente delizioso dove andare a bere un drink, un the, o un Agua de Valencia. Il cafè de Las Horas è un posto che sembra appartenere al secolo scorso.

Gli interni sembrano quelli di un castello, così come i quadri alle pareti e le decorazioni barocche del soffittocafe de las horas

Io sono rimasta incantata da questo posto, avrei voluto portarlo a Parma con me.

E’ un posto tranquillo con musica soft, potete anche portarvi un libro e rilassarvi in un ambiente elegante e raffinato. Organizzano anche serate a tema.

Qui invece ho raccontato delle 7 cose da fare a Valencia.

Se stai cercando ispirazione per altri viaggi da sola, leggi anche del mio viaggio in solitaria alle Hawaii o del mio viaggio da sola shock in Canada.

Viaggiare da soli a Valencia – dove dormire

Cerca sulla mappa le offerte più convenienti di hotel, guest house e appartamenti dove dormire a Valencia.

Booking.com

Tour da fare a Valencia


Se vi è piaciuto questo articolo, forse potrebbero interessarvi anche:

Parco Naturale dell’Albufera di Valencia, come arrivare e cosa fare

Cosa fare a Valencia, week end all’insegna del divertimento

Viaggio da sola a Valencia, itinerario di 3 giorni

Valencia, 5 motivi per amarla


Per ricevere i miei consigli di viaggio, restare aggiornati sulle novità e i prossimi viaggi di gruppo e avere sconti e promozioni, iscrivetevi alla mia newsletter 🙂


Tranquilli, non vi intaserò la casella e-mail, vi arriverà una email ogni 1/2 mesi!


Accetto la Privacy Policy

 

Alcuni dei link presenti in questo sito web sono link di affiliazione. Questo significa che se clicchi sul link e acquisti il prodotto, io riceverò una piccola commissione di affiliazione. Indipendentemente da ciò, è mia intenzione raccomandare solo prodotti o servizi che uso regolarmente e che ritengo aggiungano valore ai miei lettori.